Il Governo ha appena chiesto la fiducia sul testo della legge elettorale oggi in discussione alla Camera

di Marina Crisafi - Il governo ha posto la fiducia sul Rosatellum bis. Lo ha appena annunciato in aula il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro.

La richiesta del voto di fiducia, tra le polemiche, riguarda gli articoli 1, 2 e 3 della legge elettorale.

I punti chiave del Rosatellum bis

Il nuovo testo del Rosatellum 2.0 (che prende il nome dal capogruppo dei deputati Pd alla Camera Ettore Rosato), è un sistema su base proporzionale con un correttivo maggioritario.

La proposta, in sintesi, prevede il 36% dei deputati eletti in collegi uninominali e il 64% con metodo proporzionale. La soglia di sbarramento è del 3% per i singoli partiti e del 10% per le coalizioni. La quota di genere prevede che nei collegi nessuno dei due generi potrà essere rappresentato in misura superiore al 60%. Viene eliminata l'ipotesi del voto disgiunto (rispetto al Mattarellum che prevedeva schede diverse per il maggioritario e per il proporzionale) e prevista una sola scheda, con a fianco al nome del candidato il simboli dei partiti che lo sostengono.

Vai alla scheda sulla nuova legge elettorale

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Seguici anche su Facebook e iscriviti alla newsletter






In evidenza oggi: